lunedì 9 luglio 2007

In Ambiez

Dopo una settimana di mare e totale relax sconsiglio vivamente di riprendere subito a correre, magari facendo anche una gara! E' quello che ho fatto io ieri con la sorpresa di ritrovarmi dopo 500m dalla partenza con le gambe che si rifiutavano assolutamente di fare fatica, viziate dall'ozio dei giorni precedenti... Ero a conoscenza del rischio "cotta post-mare" ma la tentazione però era troppa, soprattutto perché si correva nella stupenda val D'Ambiez, nella parte meridionale del gruppo di Brenta. La gara era la terza prova del circuito di corsa in montagna "Baldo, Brenta e Lagorai". Il percorso è molto bello e vario: si parte con un paio di km su asfalto che alternano tratti di salita con altri di pianura molto scorrevoli; arrivati al "ristoro Dolomiti" (partenza percorso breve riservato alle donne, agli over55 e alla non competitiva) si comincia a fare sul serio con le pendenze: ci sono circa 3km di strada sterrata molto ripida (con "piste di cemento") che, superato il "pont de Broca" si lascia per seguire il sentiero che conduce alla malga Senaso. Da qui (panorama stupendo!) un altro tratto semi-pianeggiante che permette di tirare il fiato prima dell'ultimo km in salita che conduce al rifugio Cacciatore. Qui c'è la traccia GPS.
Si, la fatica è stata parecchia e più che correre ho preferito salvarmi con il passo veloce. Il rinfresco post-gara, una bella birra e un piattone di pasta al ragù hanno presto fatto dimenticare i dolori della salita!
Complimenti agli organizzzatori, sicuramente tornerò l'anno prossimo, magari un' po' più allenato...
P.S.
Un paio di consigli: (1) il giorno della gara vale la pena di lasciare l'auto a S.Lorenzo in Banale: il parcheggio presso il ristoro Dolomiti si riempie in fretta: sono 2,5km di strada che possono diventare utili per riscaldamento/defaticamento (2) se avanzano forze vale la pena abbinare la gara a un'escursione fino al rifugio Agostini: dal rifugio Cacciatore in circa 2h30 si riesce a fare un bel percorso ad anello e raggiungere il cuore delle dolomiti di Brenta.

Nessun commento: