sabato 1 settembre 2007

stop forzato

Ecco la ricetta per rischiare di mandare all'aria mesi di preparazione per la gara più importante dell'anno: il sabato si fa un allenamento di due ore a ritmo sostenuto con salite e discese su sterrato e la domenica, non contenti, si cammina per sette ore in montagna facendo 1400 metri di dislivello. E' quello che ho fatto io il weekend scorso per ritrovarmi il lunedì a fare i conti con una bella periostite tibiale, un'infiammazione nella zona tibiale che è facile procurarsi correndo in discesa o camminando/correndo in salita su terreno che richiede una forte pronazione del piede. Risultato: stop forzato di una settimana (minimo), terapia di antinfiammatori (pastiglie + creme) e ghiaccio a volontà... Speriamo almeno che questa volta serva come insegnamento: un buon programma di allenamento non deve aver paura del riposo! Proprio quando ci si sente in forma e sembra di essere indistruttibili è il momento di usare la testa e moderare la preparazione.
Lo stop forzato che mi obbliga a passare ore sul divano mi ha portato a scovare un interessante tool per la gestione degli allenamenti con il Forerunner: si tratta di SportTracks. intanto lo provo, poi scriverò due righe...

2 commenti:

eli ha detto...

Vedrai che ti riprenderai in tempo per la tua prima, splendida Jungfrau Marathon la prossima settimana!!! un bacio dalla tua mogliettina, nonché prima e insuperabile fan!!!

Elis ha detto...

albert, nn scoraggiarti andrai più in fretta del previsto e quel giorno non sentirai NIENTE!!!
anche se mi sento vagamente responsabile per averti coinvolto nella fantastica gita in cima d'asta... cn tutte quelle ZETE!!!
ciao, elis