domenica 16 novembre 2008

Garda Trentino Half Marathon

Durante un periodo di scarico dagli impegni agonistici nel quale sto definendo il calendario per il 2009 ieri ho partecipato come "personal pacer" di mia moglie alla Garda Trentino Half Marathon. Si, dopo l'esperienza positiva alle "Finestre di Pietra" l'Eli ha deciso di provare a indossare nuovamente un pettorale e buttarsi nel tentativo di portare a termine una mezza su strada. Nei mesi scorsi ci siamo allenati spesso assieme, senza tabelle ma solamente correndo, dai 10 ai 15km per tre volte in settimana cercando di imparare il ritmo e allenando la sopportazione allo sforzo prolungato.

Il risultato è stato più che positivo: l'obiettivo delle due ore è stato centrato in pieno (1h52') senza particolare fatica e con grandissima soddisfazione. La compagnia di Betty, Daniela e Christian lungo il percorso è stata fondamentale per sostenere l'Eli negli ultimi impengnativi chilometri in leggera salita. L'arrivo è stato anche accompagnato da qualche lacrima per la gioia e la grande emozione!

Cosa dire della gara... avevo già partecipato a questa mezza di fine stagione nelle prime due edizioni, ieri ho ritrovato una gara totalmente cambiata sia nel percorso che nei numeri. 4000 atleti in partenza, forse il limite massimo oltre al quale si rischia solo una grande confusione. Il percorso è bello, panoramico (il Garda ieri dava il meglio di sè), nervoso ma forse inadatto a ospitare un numero così grande di runners. La zona di partenza/arrivo presso il palafiere di Riva è comoda dal punto di vista logistico ma non è asoultamente paragonabile alla partenza da Arco e all'arrivo al vecchio porto di Riva come nelle prime edizioni.

Abbiamo anche incontrato uno spaesato Marco Olmo che faceva da testimonial presso l'expo della gara, quasi uno sconosciuto per le migliaia di persone in attesa del pranzo: sicuramente, guardando la cima dello Stivo già sbiancata e il cielo terso di ieri avrebbe preferito correre su qualche cresta in quota piuttosto che trascorrere il pomeriggio in un grigio capannone ;-)

Non è detto che riprovi l'esperienza da pacer, magari in una maratona la prossima primavera...

A adesso? Aspettiamo la neve, le ciaspole da ques'anno lascieranno il posto allo sciapinismo!

11 commenti:

Micio1970 ha detto...

Complimenti al pacer e alla moglie!

eli ha detto...

E' stato semplicemente FANTASTICO!!! grazie a tutti per l'allegria e la simpatia con cui mi avete accompagnata e al mio personal trainer per tutta la pazienza e l'attenzione in questi (pochi!!!) mesi di preparazione! (forse) alla prossima! Eli

Alessandro ha detto...

Ottima idea quella di abbandonare le ciaspole al posto dello scialpinismo. Buone future gite!
ciao

Nick.12 ha detto...

C'eri anche tu? Comunque non ci siamo trovati con i Blogtrotters, troppa folla....
Il percorso bello ma molto nervoso...
Buon inverno, magari ci troviamo sulle alte cime..
Ciao Nick

Daniele ha detto...

Una vera coppia di runners! Niente male la moglie che chiude in 1:52… complimenti!

elis ha detto...

BRAVISSIMA ELI!!!
è stata proprio una fantastica domenica! anch'io ero proprio emozionata: aspettarvi al 3° km e poi proseguire la gara con voi, un po' pacer anch'io... mi sono divertita moltissimo! e sono stata davvero felicissima per la eli che ha fatto una gara davvero bellissima, brava e determinata. bacibaci e GRAZIE!
betty

Furio ha detto...

Bravi!

chris ha detto...

Grandissima Eli!!!
Hai corso veramente alla grande: costante, determinata, tenace e decisa a non mollare nonostante quei due ultimi km in salita!
E' stato bello correre con voi; il tuo Albert è veramente un bravo pacer e Betty non è stata da meno.
Vederti emozionata all'arrivo ha toccato anche noi.
Ancora brava!
Chris e Dany

eli ha detto...

grazie a tutti gli amici che hanno mandato commenti alla gara di domenica! è bellissimo sapere di avere intorno persone così speciali. grazie GRAZIE grazie!!!

chiaretta ha detto...

Bravissima Eli!!!!!!
Io e Ruggero, da Ferrara, eravamo con Alberto a sostenerti (ma solo con il pensiero........!!!!!)

Lanfree Marathon ha detto...

Solidarietà e parsimonia sempre!